Bella ciao. Passato, presente e futuro di una canzone che conosce un solo limite: la libertà

L’origine del canto partigiano non è chiara e sono tantissimi gli artisti che, in epoche diverse, si sono esaltati in una propria personale interpretazione. È il portato di valori universali a rendere questo pezzo declinabile in ogni contesto. Che piaccia o no, “Bella ciao” è patrimonio di tutti.

«Una mattina». Bastano due parole, sulle note di una canzone la cui origine è avvolta nel mistero, a risvegliare un moto di ideali che non conoscono barriera linguistica. L’universalità di Bella ciao è data dai valori fondamentali che trasmette: libertà, pace, solidarietà. Non c’è partito politico, degno di essere definito tale, che li possa criticare. Non c’è persona che non riconosca la potenza simbolica di una sepoltura, in cima alle montagne, «sotto l’ombra di un bel fior». Una potenza che trova il suo compimento sulla melodia che si perpetua da 75 anni nelle rivoluzioni, nelle proteste in ogni angolo del mondo.

Così come la festa della Liberazione è la festa di tutti gli italiani repubblicani e democratici – è grazie alla cacciata del regime fascista che in Italia si è potuta instaurare una democrazia che si è espressa contro la monarchia -, Bella ciao è il canto di ogni essere umano che creda in questi due concetti. Fa sempre bene ripeterli: repubblica e democrazia. Ed è questo il motivo per cui gli spagnoli contro il regime franchista, i palestinesi rinchiusi a Gaza, gli studenti di Istanbul a Gezi park, i giovani durante le Primavere arabe fino agli attivisti di Fridays for Future hanno cantato Bella ciao nelle proprie manifestazioni. Ma anche in questi giorni, quando i vigili del fuoco inglesi hanno voluto mandare un messaggio di solidarietà all’Italia colpita dall’epidemia di Covid-19, è questa la canzone che hanno scelto di cantare.

La casa de papel o di carta che dir si voglia, non c’entra niente con il successo universale del canto partigiano. Certo, la serie di Netflix ha erogato una nuova forma di popolarità a Bella ciao, popolarità che ha generato nuove versioni encomiabili, ma anche hit da discoteca e degenerazioni musicali. Prima di tutto questo, però, Bella ciao era già stata reinterpretata centinaia di volte. Oggi abbiamo deciso di mettere insieme le versioni più commoventi cantate in tre quarti di secolo.

Fonte Open

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: