Coronavirus, per il Financial Times il bilancio delle vittime è quasi il doppio di quello ufficiale

Confronto tra i decessi in marzo-aprile 2019 con quelli di quest’anno in 14 Paesi, Italia compresa.

Le vittime del Coronavirus nel mondo potrebbero essere molte di più, oltre il doppio, di quanto non dicano i dati ufficiali. È quanto emerge da un’analisi del Financial Times condotta su 14 Paesi colpiti dalla pandemia, tra cui l’Italia e tutti i principali Paesi europei.

Il quotidiano britannico parla di un bilancio delle vittime quasi il doppio di quello delle statistiche ufficiali, un dato al quale gli esperti arrivano mettendo a confronto i decessi avvenuti tra marzo a aprile di quest’anno con quelli dello stesso periodo dei cinque anni passati. Risultato: ci sono stati 122 mila morti in più rispetto ai livelli normali, molti di più dei 77 mila decessi ufficiali registrati in queste nazioni a causa dei contagi del Covid-19.

Se anche negli altri stati non compresi dallo studio del Financial Times i dati dovessero essere in egual misura sottostimati, il Coronavirus globalmente potrebbe aver ucciso fino a 318.000 pazienti, ben al di sopra delle attuali 200.000 e oltre vittime.

In tutti i Paesi analizzati, esclusa la Danimarca, il numero dei decessi da marzo ad aprile 2020 avrebbe di gran lunga superato la media storica: in Italia del 90%, in Belgio del 60%, in Spagna del 51%, nei Paesi Bassi del 42% e in Francia del 34%.


In particolare, per quel che riguarda il nostro Paese il Financial Times calcola per la Lombardia, l’epicentro della pandemia in Europa, il 155% in più di decessi rispetto alla media dei cinque anni precedenti, e nella sola provincia di Bergamo del 464%, il dato più alto in assoluto davanti a New York (200%) e Madrid (161%).

Fonte Huffington Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: