Coronavirus Sicilia, indice di contagio più basso d’Italia

I contagiati sono 2272 contro i 2301 del giorno precedente. Scendono anche i ricoveri di otto unità: 485. I morti dall’inizio dell’epidemia sono 224.

Per la prima volta, dall’inizio dei controlli, la Sicilia inverte il passo sull’epidemia di coronavirus: i contagiati scendono di 48 unità (2272 contro i 2301 di ieri), e i guariti sono balzati a 524 (ieri erano 412).

I tamponi e i contagi
I tamponi effettuati sono stati 68.251 (+3.086 rispetto a ieri), su 64.892 persone: di queste sono risultate positive 3.020 (+39), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.274 (-46), 524 sono guarite (+81, di cui 24 ricoverati e 57 in isolamento domiciliare) e 224 decedute (+6). Degli attuali 2.274 positivi, 485 pazienti (-8) sono ricoverati – di cui 33 in terapia intensiva (+1) – mentre 1.787 (-40) sono in isolamento domiciliare.

La divisione per province
Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 129 (0 ricoverati, 2 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 116 (15, 21, 11); Catania, 670 (107, 195, 78); Enna, 302 (133, 67, 28); Messina, 402 (98, 83, 45); Palermo, 372 (70, 48, 27); Ragusa, 75 (6, 6, 6); Siracusa, 96 (50, 82, 23); Trapani, 110 (6, 20, 5).

Dunque, per la prima volta nell’Isola il numero dei positivi è inferiore a quello registrato il giorno precedente. Ma non è l’unica buona notizia. C’è un primato sancito dall’Istituto superiore di sanità: la Sicilia è la regione italiana in cui il virus si trasmette di meno da un individuo all’altro. E altre analisi dicono che L’Isola – dopo la Calabria – ha il minor numero di casi positivi e di morti rispetto alla popolazione (rispettivamente 58 e 4,2 ogni 100 mila abitanti).

Il valore da tenere d’occhio è soprattutto l’R0 (l’erre con zero), che indica il numero medio di casi generati da un individuo infetto. Tra il 10 e il 25 marzo, nei giorni del lockdown nazionale, è passato da uno spaventoso 2-3 a meno di 1 in tutta Italia. In sostanza ogni positivo infetta meno di una persona. E in Sicilia si registra il valore più basso: 0,3. Inferiore all’Emilia Romagna (0,7) ma anche a regioni con numeri totali di casi più bassi come la Sardegna (0,6).

Più il valore R0 è elevato e maggiore è il rischio di diffusione della pandemia” – spiega l’epidemiologo palermitano Salvatore Scondotto, presidente dell’Associazione italiana di epidemiologia. “Fino a quando l’indice si mantiene al di sotto di 1, l’epidemia può essere contenuta”. In Sicilia – stando ai dati di Iss elaborati dalla fondazione Bruno Kessler – l’R0 è più basso che altrove. “L’indice – spiega l’epidemiologo – dipende dalla natura stessa del virus, dalla durata dell’infettività e dal numero dei contatti della persona infetta. Dato che per il primo e il secondo fattore non è possibile un intervento perché servirebbero una cura o un vaccino, è possibile intervenire solo sul terzo fattore limitando il numero dei contatti tra le persone come avvenuto nel lockdown. In Sicilia tali misure sono intervenute in una fase precoce della circolazione virale, insieme ad ulteriori misure tra cui quelle rivolte a limitare i contatti nei rientrati da aree a maggiore incidenza”.

Già a metà marzo, con le notizie sul crescere dei contagi, il virus ha rallentato la sua marcia. La paura ha agito da sola. Oggi la situazione è ulteriormente migliorata. Anche se non tutti gli studi concordano sull’entità del calo. Secondo il modello elaborato dal Dipartimento di scienze aziendali, sociali e statistiche dell’Ateneo di Palermo – citato nelle ultime ordinanze del governatore Nello Musumeci – dall’11 aprile a oggi l’R0 in Sicilia è 0,8. Inferiore alla soglia di allerta, ma superiore a quello diffuso da Iss. All’origine potrebbe esserci la fonte dei dati: lo studio Kessler prende in esame quelli del sistema di sorveglianza Iss che riporta i casi per data di effettiva incidenza, mentre lo studio palermitano tiene conto dei dati della Protezione civile nazionale. Ma questo – da solo – non spiega la differenza. “Quando l’epidemia volge al termine – dice Vito Muggeo, ricercatore del dipartimento di Statistica – la curva del totale dei casi positivi dovrebbe stabilizzarsi mentre quella degli attualmente positivi cominciare a scendere, come sta accadendo in Sardegna e Umbria. In Sicilia ancora no, per cui è singolare che il fattore R0 sia inferiore rispetto a queste regioni”.

Anche sulla base di queste rilevazioni, il governo sta organizzando le riaperture. Con un monito: l’epidemia ha abbassato la testa ma ci metterebbe poco a rialzarla, più veloce di prima. “Paradossalmente – avverte Scondotto – nelle aree in cui il virus è circolato meno come In Sicilia vi è una frazione più ampia di popolazione suscettibile. Per questo l’Associazione italiana di Epidemiologia è stata tra i promotori della indagine sieroepidemiologica che a breve avviata dal ministero della Salute per stimare la quota di soggetti entrati in contatto con il virus in ogni regione e nei principali comparti produttivi”.

Fonte La Repubblica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: