Corruzione nella sanità siciliana. In carcere il manager dell’Asp di Trapani Fabio Damiani

Una importantissima operazione della Guardia di Finanaza.
Dieci persone tratte in arresto per corruzione: un giro di denaro milionario sulle gare d’appalto della sanità siciliana.

Tra gli arrestati c’è anche l’attuale direttore dell’Asp 9 di Trapani Fabio Damiani, di 55 anni.

Fabio Damiani

Damiani, arrestato insieme a Salvatore Manganaro, 44 anni, originario di Agrigento. Secondo le prime ricostruzioni sarebbe il faccendiere di Damiani.
Entrambi sono stati tratti in arresto in carcere.

Damiani, palermitano, ha una lunga carriera alle spalle nel settore sanitario.

  • dirigente avvocato dell’Asp di Palermo dal 2003
  • responsabile del settore Economico finanziario e Provveditorato dell’azienda palermitana
  • direttore amministrativo dell’azienda ospedaliera Villa Sofia Cervello di Palermo
  • nel 2013 è stato commissario liquidatore del Ciapi di Palermo
  • dal 2016 al 2018 ha diretto la Centrale Unica di Committenza della Regione Siciliana
  • commissario straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani a fine 2018

Damiani nelle ultime settimane è salito alla ribalta, ottenendo grande visibilità nell’ambito della gestione dell’emergenza Covid-19 in Provincia di Trapani.

Le informazioni al momento sono frammentarie. Quindi ci asteniamo da giudizi affrettati.
Ma soprattutto in questo momento di difficoltà della sanità italiana, questo genere di notizie, oltre a generare tristezza contribuiscono a far montare un grande senso di rabbia.

Segui la nostra Pagina Facebook.

Leggi le altre notizie di oggi su Selinews.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: