In vigore il nuovo decreto con le restrizioni: più libertà di azione alle Regioni

Di seguito la lista dei divieti e le multe.

Entra in vigore oggi l’ultimo decreto approvato dal consiglio dei ministri e annunciato dal presidente Conte, che inasprisce le misure per chi non rispetta le disposizioni fissate per contrastare il contagio da COVID-19. Sono sei gli articoli che compongono il decreto e con cui il governo uniforma i precedenti Dpcm sulle misure restrittive, alzando le sanzioni pecuniarie per chi viola i divieti.

Prevista una sanzione amministrativa da 400 fino a 3.000 euro per i cittadini che non rispettano il divieto di spostamento, che saranno inoltre denunciati per violazione e/o per falso, (reati penali) nel caso di dichiarazione falsa, ovvero per mancato riscontro in merito a quanto indicato sull’autocertificazione. Carcere fino a 5 anni per chi viola la quarantena. Disposta la chiusura dell’attività da 5 a 30 giorni per tutti quegli esercenti, che non rispetteranno la chiusura imposta.

Il neo decreto conferisce più ‘poteri’ alle Regioni, che possono adottare misure – esclusivamente nell’ambito delle attività di loro competenza – diverse da quelle nazionali, nell’ipotesi di situazioni di aggravamento o attenuazione del rischio sanitario, per 7 giorni.

Per tali misure regionali, è necessario chiedere conferma al presidente del consiglio Conte entro 24 ore, dopo le quali, se non arriva un decreto, perdono efficacia. Meno libertà di movimento per i comuni invece, che devono interloquire con la regione per l’adozione di provvedimenti di 7 giorni. I sindaci non possono adottare, a pena di inefficacia, ordinanze continuabili e urgenti in contrasto con le misure statali o eccedendo alle restrizioni previste dallo stesso decreto.

Prevista l’eventuale limitazione alla possibilità di uscire ed entrare nel territorio nazionale. Le misure inoltre, sarebbero “reiterabili e modificabili fino al 31 luglio”, ma non è detto che ciò avvenga.

Fonte Castelvetranoselinunte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: