L’iniziativa “Adesso resto a casa, poi andrò in Sicilia”

Le spiagge appaiono così bianche e pulite, l’acqua cristallina come non mai. Le località di mare come Mondello, solitamente affollate in questo periodo sono silenziose e deserte come le piazze del centro storico con i monumenti e le chiese off limits, che così devono restare finché l’emergenza non sarà cessata perché l’imperativo è rimanere a casa.

Ma tanto i visitatori, quanto soprattutto gli operatori oggi in crisi pensano quando sarà possibile tornare a viaggiare e a stupirsi della bellezza che l’Italia offre. Da Taormina dove Isolabella e Teatro Antico attendono come gli altri luoghi d’arte che torni la stagione del turismo, un’associazione di imprenditori ha chiesto al governo regionale e a quello nazionale di redigere un piano urgente che aiuti le aziende in ginocchio, con interventi finanziari e agevolazioni fiscali, contando sul vantaggio climatico e sull’andamento delle curve epidemiologiche in Sicilia, che inducono a sperare che la regione possa quanto prima essere considerata destinazione sufficientemente sicura.

Molti comuni si organizzano pensando a quando la stagione turistica ripartirà. A Caltanissetta, la Proloco, insieme con l’Associazione Uno a Uno ha ideato un evento dal titolo: “Adesso resto a casa, dopo andrò in Sicilia”. Hotel, alberghi diffusi, B&B hanno offerto 32 soggiorni gratuiti nel cuore di una Sicilia ancora poco conosciuta, ma ricca di storia e paesaggi sorprendenti, così come nei luoghi più noti dalla Valle dei templi, ai borghi sparsi per l’isola, con tanto di castelli e vedute mozzafiato. L’obiettivo è quello di attrarre turisti che domani, quando sarà possibile, visiteranno la Sicilia e diventeranno ambasciatori della sua cultura, della sua arte e della sua cucina. A pochi giorni dall’inizio del concorso, che si concluderà alla fine di luglio, a migliaia si sono già iscritti sul sito adessorestoacasa.it perché intanto tra le quattro mura si può anche sognare. Aspettando il momento in cui immagini come queste, girate nella cittadina barocca di Noto lo scorso autunno, potranno tornare ad essere attuali.

Fonte Sky TG24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: