Reperti archeologici nascosti in casa, denunciato un uomo a Licata

I Carabinieri di Agrigento hanno scoperto, a casa di un pregiudicato 55enne di Licata, un prezioso bottino composto da reperti archeologici.

L’esperto cacciatore di reperti avevo ritrovato e tenuto per sé 24 fibule di varia grandezza e forma, orecchini, vasi in terracotta, grandi e piccoli, lucerne, sigilli di piombo, frammenti di antichi utensili da cucina, cerchi di bronzo a formare bracciali, oltre a elementi di piombo e bronzo. Tutto di probabile epoca greca.

I movimenti sospetti dell’uomo negli ultimi giorni hanno infatti portato i militari ad effettuare una perquisizione domiciliare. Appena entrati nell’abitazione, proprio all’ingresso, i carabinieri hanno subito trovato un metal detector professionale, di quelli utilizzati per cercare, appena sotto la superficie, reperti metallici di vario tipo. Poco dopo, infatti, ecco spuntare i primi reperti archeologici, abilmente nascosti in vari angoli della casa.

Il cinquantacinquenne cacciatore di reperti è stato denunciato a piede libero alla Procura della repubblica di Agrigento e dovrà rispondere di detenzione illegale di reperti archeologici.

Fonte GDS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: