Stop alle bufale su WhatsApp: ci sono nuove regole per i messaggi, ecco cosa cambia

Una misura di precauzione per impedire in questo momento delicato di emergenza sanitaria da Covid-19, il diffondersi in maniera incontrollata di bufale e fake news.

Possiamo dire addio, finalmente, alle interminabili catene di messaggi inoltrati indiscriminatamente su Whatsapp. Ad annunciare la notizia, che renderà tristi i fan del facilissimo “copia e incolla”, è stato lo stesso social che ha reso noto che i messaggi scambiati sulla piattaforma potranno essere inoltrati solamente una volta.

Una misura di precauzione volta ad impedire, soprattutto in questo momento delicato di emergenza sanitaria da Covid-19, il diffondersi in maniera incontrollata di mille e una bufale che, a valanga, arrivano direttamente sui nostri cellulari tramite un messaggino, a volte anche creando panico e generando false notizie, e costringendo poi i canali ufficiali a doverle smentire.

La novità è già attiva in tutto il mondo, anche in Italia, ed è l’ultima decisione dell’azienda per mettere un freno alle fake news. Insomma mai più innumerevoli catene di Sant’Antonio su WhatsApp, che il più delle volte contengono informazioni false e che, in questo periodo stanno, stanno solo favorendo il diffondersi a macchia d’olio di mega bufale sul Coronavirus e ciò nonostante l’espressa dicitura “inoltrato” che già da qualche mese appare sopra ai messaggi inviati a catena più volte a più contatti.

«Lo scorso anno abbiamo presentato la funzione che consente di riconoscere i messaggi che sono stati inoltrati molte volte. Si tratta di un’etichetta dotata di una doppia freccia, che contraddistingue i messaggi di dubbia provenienza – scrive WhatsApp in una nota. A partire da oggi, questi messaggi potranno essere inoltrati a una sola chat alla volta».

Uno strumento, quello della funzione di “inoltro” dei messaggi che fino ad oggi consentiva ad ogni utente di condividere uno stesso testo a circa 250 contatti grazie a pochi passaggi e che, proprio per la sua enorme portata, ha portato alla rapida diffusione delle maggiori fregature mai lette sui social.

Sempre secondo l’amministrazione di WhatsApp, è stato stimato che questa novità di limitare la condivisione ha portato a una riduzione dei messaggi virali del 25 %, diminuzione che, però, a quanto pare non è sufficiente e che ora ha portato alla decisione di ridurre drasticamente il numero di inoltri possibili a solo uno.

«Ovviamente, non tutti i messaggi inoltrati contengono notizie false o contribuiscono alla disinformazione – continua la nota -. Ma abbiamo riscontrato un notevole incremento della quantità di messaggi inoltrati.

Molti utenti ci hanno riferito di essere infastiditi da questi messaggi e di temere che possano contribuire alla diffusione di notizie false. Riteniamo pertanto che sia importante rallentare la propagazione di questi messaggi per mantenere WhatsApp un luogo dedicato alle conversazioni private».

Fonte Balarm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: