Strage di Ustica, lo Stato pagherà alla compagnia aerea Itavia 330 milioni di danni

Il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture e quello della Difesa non devono solo risarcire la compagnia Itavia per il dissesto finanziario al quale andò incontro dopo il disastro aereo di Ustica (lo stop della flotta e la revoca delle concessioni), ma devono anche aggiungere un indennizzo per il danno subito dalla società.

La Corte d’Appello di Roma ha condannato così i due ministeri a versare un totale di 330 milioni di euro (265 milioni erano già stabiliti dalla Corte con sentenza definitiva nel 2018) agli eredi del titolare della compagnia, che è in amministrazione controllata dai tempi della strage dei passeggeri del DC 9 precipitato il 27 giugno 1980.

Si chiude così una vicenda giudiziaria che dura da 40 anni, da quando cioè il 10 dicembre 1980 fu imposta a Itavia, compagnia aerea fondata da Aldo Davanzali, di sospendere le attività di volo. Nei mesi successivi, le Autorità Aeronautiche dichiararono decaduti i diritti di linea della società. L’ipotesi dell’inchiesta era che a far precipitare l’aereo fosse stato un cedimento strutturale. Dopo anni di insabbiamenti e di notizie contrastanti, la verità processuale: l’aereo fu abbattuto da un missile.

Il danno subito dalla caduta dell’aeromobile (i cieli italiani non erano sicuri in quei giorni e la colpa ricade sul ministero della Difesa) e quello legato allo stop dell’attività e al danno di immagine, hanno portato alla sentenza pubblicata il 22 aprile. Ora la società, che era in passivo, tornerà in attivo e in mano alla proprietà, che in maggioranza è della famiglia Davanzali (48% delle azioni). Non certo nel momento migliore, tra Coronavirus e un bilancio dello Stato gravato dall’emergenza.

Fonte Corriere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: