Turismo, imprese e famiglie: gli aiuti della Regione Siciliana per il rilancio dell’Isola

La giunta guidata da Nello Musumeci ha approvato misure importanti per il rilancio dell’Isola dopo il Coronavirus: ecco gli aiuti previsti per un totale che sfiora i due miliardi di Euro.

La Sicilia accende i motori sulla ripartenza. Dopo l’emergenza sanitaria, che per fortuna ha toccato la Sicilia solo marginalmente nella sua fase acuta, si armano le misure per il rilancio dell’economia.

Con questi presupposti la giunta guidata da Nello Musumeci lavora alla legge di stabilità e bilancio. Una manovra che guarda da vicino alla ripresa delle attività e ad una nuova primavera per la Sicilia.

Numeri importanti, quelli della Finanziaria a cui si lavora, con cifre che si aggirano fra uno e due miliardi. Ripartenza è la parola d’ordine che trapela dalle prime informazioni.

Come scrive l’Ansa si studiano interventi a sostegno delle famiglie disagiate, per le imprese, gli artigiani, la scuola, per il finanziamento della cassa integrazione e per il trasporto pubblico locale. Somme che dovrebbero essere coperte con fondi europei e mancati versamenti allo Stato.

Importanti le misure previste per uno dei settori più importanti di Sicilia: quello del turismo. Come riporta il quotidiano La Repubblica, fra le misure ci sarebbero quelle che riguardano due notti in offerta a chi ne prenota cinque in alberghi e b&b, oltre a sgravi fiscali destinati alle agenzie di viaggio.

Intanto, lo ricordiamo, le piccole e medie imprese potranno richiedere fino a 25.000 euro di prestiti garantiti, grazie alle misure messe in campo dal Governo nazionale, come abbiamo spiegato in questo articolo. Aiuti che si aggiungono al bonus da 600 euro previsto dal decreto “Cura Italia”.

Segnali importanti che possono segnare il futuro dell’Isola. La manovra, dopo l’approvazione della Giunta, sarà inviata alla Presidenza dell’Ars perché possa iniziare l’iter parlamentare per l’approvazione definitiva.

Gaetano Armao, Assessore all’Economia

«In relazione alle indiscrezioni di stampa sull’approvazione della legge finanziaria nel corso della seduta della Giunta di ieri, si precisa che non è stato approvato alcun testo. Il Governo ha lungamente lavorato, per quasi dieci ore, sulle proposte elaborate dagli assessori, dai capigruppo di tutte le forze politiche del Parlamento, al fine di tradurre gli impegni per il rilancio economico dell’Isola in norme che possano essere condivise in modo ampio.

Resta centrale sul piano finanziario l’impiego del contributo al risanamento della finanza pubblica, attendiamo, quindi, gli esiti dell’Eurogruppo per concordare i margini di flessibilità con lo Stato. Dopo un ulteriore confronto a partire da oggi, il Governo si riunirà nuovamente per approvare il testo da trasmettere all’Ars».

Fonte Balarm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: